Per molti genitori settembre è il mese più difficile dell’anno.

Il ritorno alla normalità, dopo la fine delle vacanze, è difficile per tutti ma lo è ancor più per i bambini, che vedono il rientro a scuola come il peggiore dei loro incubi.

Per evitare quindi che l’intera famiglia sprofondi nella disperazione più totale, possiamo adottare alcune strategie per abituare i nostri figli all’idea di ritornare sui banchi:

1. Preparare insieme il materiale scolastico: mettere le copertine ai quaderni, incollare le etichette colorate con il nome e la nuova classe, inserire nell’astuccio i pastelli e i pennarelli nuovi, con quei colori fluo che ci piacciono tanto… e lavare lo zaino dello scorso anno per farlo sembrare nuovo. Se invece è da cambiare, uno zaino nuovo di pacca con il supereroe o la principessa preferiti sarà sicuramente uno stimolo in più.

2. Telefonare al compagno preferito per raccontarsi le vacanze, darsi appuntamento per il primo giorno di scuola per arrivare presto e scegliere due banchi vicini.

3. Nelle ultime mattine di vacanza alzarsi dal letto un po’ prima, per riuscire ad addormentarsi prima la sera. Non sarà facile, ma è sempre meglio faticare quando si è ancora a casa, piuttosto che ritrovarsi a dormire sul banco.

4. Scegliete l’outfit per il back to school. Per il primo giorno possiamo concedere ai bambini di indossare la gonnellina o la camicia “della domenica”… un vestito da smacchiare è sempre meglio di un musetto triste.

5. Controllare di avere fatto tutti, ma proprio tutti, i compiti e ripassare gli argomenti in cui abbiamo incontrato le difficoltà maggiori.

6. Scegliere una buona colazione, da ripetere ogni mattina, per affrontare al meglio gli impegni della giornata. Ricordate l’importanza di assumere tutti i nutrienti essenziali: vitamine, calcio, ferro e fibre.

7. Genitori, evitate le solite frasi minatorie del tipo “Se quest’anno non andrai bene a scuola, dimenticati di andare a giocare dagli amichetti”, o “Al primo brutto voto, ti metto in castigo per un mese”. Date ai bambini il tempo di riprendere il ritmo e soprattutto…un po’ più di fiducia!

8. Stampate qualche fotografia delle vacanze (cosa che non si fa quasi più), in modo che i bambini possano portarle a scuola e mostrarle ai compagni e agli insegnanti

9. Scegliete lo sport che terrà i bambini impegnati nei lunghi mesi invernali e che possa essere la valvola di sfogo all’uscita da scuola.

10. Non descrivete la scuola con parole negative, associandola ai brutti voti, alla fatica e allo stress. Per quanto sia un dovere, i bambini devono imparare a riconoscerla anche come un piacere, apprezzando quello che ricevono e maturando sempre più il desiderio di imparare… Utopia? Forse no.