Tranquilli! Non voglio invadere anche la rubrica food e non vi proporrò una ricetta per il vostro pranzo di Pasqua. Siete salvi, sia voi sia gli agnelli, perché io non li sacrifico e non li cucino, ma li creo…

Occorrente:

– pannolenci bianco (quello che ho usato io è anche glitterato);

– pannolenci rosa;

– carta e matita;

– forbice per tessuti;

– ago e filo da ricamo nero e di un colore a vostra scelta;

– ovatta;

– colla a caldo;

 

Sul foglio di carta disegnate corpo, testa, zampa, coda, orecchio e “frangia” dell’agnello.

Non occorre essere degli illustratori professionisti perché i dettagli più complessi sono due nuvolette.

Ritagliate i vostri cartamodelli e utilizzateli per creare le sagome di pannolenci.

Su una delle sagome della testa ricamate con il punto dritto gli occhi e il naso dell’agnellino.

Unite le due sagome e cucitele insieme con il punto festone.

Prima di ultimare la cucitura inserite un po’ di ovatta.

FOTO-1

Cucite e imbottite a due a due anche le sagome della frangia, della coda e delle zampe, mentre le due sagome delle orecchie rimarranno singole.

Quando cucite le due sagome del corpo, fissate all’interno della parte inferiore anche le due zampe.

Imbottite il corpo e ultimate la cucitura.

FOTO-2

Ora che avete tutte le parti del corpo non vi resta che incollarle.

Iniziate dalla testa, fissandola sul corpo non troppo centralmente.

Incollate le orecchie “cadenti” sulla testa.

FOTO-3

Incollate la frangia, fissandola sia sulla fronte sia sulle orecchie.

Quando avrete incollato anche la coda, il vostro agnellino sarà ultimato ma, se volete dargli un tocco di charme in più, potete aggiungere, come ho fatto io, anche trucco e parrucco…

FOTO-4