Confesso che incontrare tante donne che hanno ripensato e rimodellato la loro vita e professione è di grande stimolo, e noto sempre una grande forza e determinazione nel voler creare qualcosa di unico, creativo e perché no, divertente.

Sulla scia di alcune belle iniziative formative che abbiamo avuto l’occasione di proporre a diverse donne e mamme negli ultimi mesi, parliamo oggi di un lavoro particolare e divertente allo stesso tempo, quello del/la Personal Shopper.

Ma qual è il segreto per diventare un/a Personal Shopper? E come si fa ad avviare un’attività che sembra basata più che altro su motivazioni frivole?

diventare-personal-shopper

Un mito da sfatare è proprio questo: la maggior parte delle persone che si rivolgono a un consulente di immagine e richiedono anche un servizio di personal shopping non sono gente frivola – anzi! Sono persone che stanno attraversando un periodo di cambiamento nella propria vita privata o professionale e sentono la necessità di manifestarlo anche attraverso la propria immagine esteriore.
C’è chi sceglie di lavorare sulla propria immagine anche a integrazione di un percorso più profondo di coaching o riabilitazione, per esempio. Il personal shopping è lo step finale di un percorso che parte dal cliente e dalle sue necessità. Dai suoi obiettivi, dal suo tipo di fisico, dai suoi colori e ovviamente dal suo budget.

Un bravo personal shopper lavora bene con budget di 150 euro come con uno dal 10.000 o oltre.

Ma cosa serve per diventare Consulente di Immagine e Personal Shopper?

Se siete curiosi/e di saperne di più vi segnalo un nuovo corso organizzato da Mamma&Lavoro e tenuto da Angela Bianchi (Consulente d’Immagine e Personal Shopper da diversi anni) e sarà proprio l’occasione giusta per scoprire questa nuova professione e come avviarla!

Giovedì 16 e 23 Aprile dalle 9.30 alle 12.30 due incontri per scoprire tutto quel che c’è da sapere su questo lavoro e farlo vostro.

Per informazioni e prenotazioni mandate una mail a formazione@mammaelavoro.