L’estate si avvicina e le prossime settimane sono sicuramente le migliori per portare i bambini in vacanza.

La vacanza con i bambini è sicuramente diversa da quella in coppia a zero pensieri. Vi ricordate i bei tempi in cui ci si caricava uno zaino sulle spalle e si partiva all’avventura? Io no, perché sono ormai otto anni che vivo il pre-partenza come un incubo in cui vengo divorata viva dalle valigie.

Forse ormai sto uscendo dal tunnel, ma quando le gemelle erano più piccole, iniziavo a preparare i bagagli una settimana prima della partenza, per timore di dimenticare qualcosa a casa.

Col tempo sono rinsavita e ho capito che i bambini, specialmente quelli molto piccoli, hanno delle necessità che devono essere rispettate, ma questo non significa necessariamente portarsi appresso tutta la casa, ma soltanto ciò che è assolutamente indispensabile:

  1. se dovete affrontare un viaggio lungo e vostro figlio soffre di nausea da mezzo di trasporto, procuratevi i braccialetti antinausea più indicati per l’età del bambino o prevenite con qualche prodotto omeopatico (in entrambi i casi chiedete consiglio al pediatra!). Per sicurezza meglio portare anche dei sacchetti di plastica, che potete ben immaginare a cosa potrebbero servire…
  2. qualche giocattolo per intrattenere i bambini durante il viaggio. Per i più grandicelli, se non soffrono di nausea, un libro da colorare e qualche foglio per disegnare sono sempre un’ottima opzione;
  3. che andiate al mare, in montagna, al lago o in campagna, portate indumenti leggeri come canottiere, pantaloncini, gonnelline, prendisole, costumini da bagno e scarpe comode e aperte, ma anche qualche felpa e pantalone lungo per la sera e per le giornate più fresche;
  4. sicuramente i bambini giocheranno molto all’aria aperta e indosseranno gli indumenti di cui sopra, quindi la loro pelle sarà molto esposta al sole. Non dimenticate a casa un cappellino e la crema solare con fattore di protezione totale (50 o 50+). E’ vero che si possono sempre acquistare in loco, ma correte il rischio di non trovare quella più adatta al vostro bambino e di pagarla a prezzo più alto;
  5. paravento/pioggia per il passeggino per non rischiare di dover rimanere barricati in casa o in hotel in caso di maltempo. E ovviamente il passeggino. Potreste anche noleggiarlo in loco ma non è detto che il pargolo gradisca un “mezzo” diverso dal suo, soprattutto per la nanna;
  6. repellenti per gli insetti e zanzariera per passeggino. Ci sono moltissime località turistiche, sia in Italia che all’estero, in cui sembra che le zanzare aspettino solo i piccoli turisti!
  7. prodotti per la cura del corpo del bambino. Soprattutto se è soggetto a dermatiti o a irritazioni della pelle, non potete fare a meno dei prodotti che utilizzate abitualmente;
  8. lettino da viaggio se alloggerete in appartamento e i bambini sono ancora troppo piccoli per dormire nel letto “dei grandi”. Le sponde non sono sufficienti!!
  9. seggiolone da tavolo. Se viaggiate in auto e avete spazio nel bagagliaio, portatelo sempre! Solitamente le strutture ricettive ne mettono a disposizione a sufficienza per coprire il numero dei piccoli ospiti, ma non avete la garanzia che vostro figlio possa utilizzare sempre lo stesso… a scapito dell’igiene;
  10. vaschetta e fasciatoio gonfiabili: ingombrano pochissimo e aiutano tantissimo, soprattutto se non siete nel bagno di casa vostra
  11. se andate all’estero, portate latte artificiale, biscottini, omogeneizzati e pappe, specialmente se i vostri bambini prediligono una marca specifica. Se invece non hanno particolari preferenze, sappiate che ci sono hotel e villaggi turistici dotati di biberoneria con tutto l’occorrente;
  12. tessera sanitaria (utile in tutti i pesi UE) e qualche medicinale che potrebbe servirvi per le emergenze come: antipiretici, gocce otologiche, antidiarroici, antistaminici per allergie inaspettate, pomate per dermatiti cutanee e arrossamenti da pannolino.
  13. sterilizzatore da viaggio per i ciucci e le tettarelle del biberon. In alternativa, se avete a disposizione angolo cottura e pentolame, potete immergere tutto in acqua bollente per venti minuti;
  14. scorta di pannolini solo se avete particolari esigenze o avete riscontrato allergie, altrimenti portate il necessario per i primi giorni.

Tutto il resto, ammesso che ci sia un resto, può rimanere a casa.